Incinta immediatamente dopo aver smesso la pillola: ci sono rischi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/10/2023 Aggiornato il 20/10/2023

Rimanere incinta immediatamente dopo aver smesso di usare la pillola è un ottimo segnale che le ovaie hanno ripreso a funzionare e, dal punto di vista farmacologico, non espone ad alcun rischio.

Una domanda di: Silvia
Per circa 2 anni ho assunto la pillola Drospil. Un mesetto fa la prima settimana di settembre ho deciso di smetterla e il 15 ottobre ho scoperto di essere incinta. La pillola era composta da 28 di cui 24 rosa e 4 pillole placebo. Io non ho preso l’ultima delle pillole rosa e le pillole placebo. Sto aspettando la visita dalla ginecologa nel frattempo non so cosa pensare. Ci sono rischi per la mia gravidanza in queste circostanze ? E sopratutto come si calcola la data presunta del parto? Avevo iniziato comunque a prendere l’acido folico da luglio/agosto.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, nella sua lettera manca un dato per me essenziale: quando è iniziata la sua ultima mestruazione? Immagino proprio i primi giorni di settembre, dopo aver sospeso la pillola Drospil. La gravidanza infatti si calcola a partire da quella data e la data del parto di conseguenza, 40 settimane dopo. In un certo senso la gravidanza dura 10 mesi lunari (ossia da 28 giorni) se ci basiamo sul numero delle settimane. Magari non ha visto nessuna mestruazione dopo la sospensione di Drospil? Non importa, quando farà la sua prima ecografia ostetrica la ginecologa (do per scontato che sia donna, sono di parte come vede!) misurerà la lunghezza dell’embrione e le saprà dire quando è probabilmente avvenuto il concepimento e quando sarà quindi la “scadenza” del parto. Mi sembra preoccupata dal fatto che aveva appena interrotto la pillola ed è subito rimasta incinta. Direi che è un bel segnale che le sue ovaie hanno ripreso alla grande a funzionare appena ne hanno avuto l’occasione. Dal punto di vista farmacologico, il farmaco è stato eliminato sicuramente prima del concepimento (nel giro di circa 48 ore viene completamente eliminato dall’organismo) quindi al concepimento lei di sicuro non ne aveva traccia in circolo. Anche l’aver assunto acido folico in via preventiva è stata sicuramente un’ottima idea in quanto può capitare che la pillola contraccettiva ne favorisca una carenza. Immagino ora lei stia proseguendo l’assunzione di acido folico e mi permetto di segnalare che andrebbe assunto lontano da the e latticini. Spero di averle risposto e di averla rassicurata, auguri per la bella avventura appena incominciata! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti