Infezione da Campylobacter: può essere difficile da superare?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 11/06/2023 Aggiornato il 11/06/2023

Le infezioni intestinali causate da un Campylobacter, che si contraggono assumendo cibi o bevande contaminate oppure entrando in contatto con persone o animali infetti, possono richiedere l'impigo di antibiotici specifici, se sono molto gravi o se tendono a non risolversi spontaneamente.

Una domanda di: Stefania
Buongiorno, mio figlio di 10 anni 15 giorni fa ha avuto una forte gastroenterite batterica da CAMPYLOBACTER, è stato ricoverato e solo reidratato. Gli hanno somministrato antidolorifici per i forti crampi alla pancia che aveva notte e giorno, in più aveva qualche episodio di vomito, febbre solo i primi 3 giorni e faceva la media di 20 scariche al giorno, ha perso 5 kg in 6 giorni. Una volta dimesso ha continuato a fare scariche ma andavano a diminuire, poi sembrava si fosse ripreso . A distanza di una settimana ha ripreso con lievi mal di pancia, scariche semiliquide marroni e non versi come prima (massimo 5 al giorno ), dolore all interno dell’ ano nel momento di evacuare e tanto prurito esternamente all’ano. Fra due giorni lo vedrà la pediatr , in attesa mi chiedevo se devo preoccuparmi, è possibile che il batterio sia ancora lì e stia causando ancora tutto questo? Oltre alle analisi delle feci consiglia qualche altro tipo di esame?g Grazie per la sua attenzione, rimango in attesa di una sua gentile risposta.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, le infezione enteriche da Campylobacter sono più toste e durano più a lungo di quelle sostenute da virus come Rotavirus o da batteri tipo Escherichia Coli, come avete voi stessi visto e vissuto. Il fatto che siano tornati dolori al basso ventre è segno di colite, controllate che le feci non abbiano tracce di sangue. Se ritorna febbre o se ci sono nuovi disturbi anche a livello generale, si può, in accordo con la vostra pediatra, da contattare prima, ricorrere a cure antibiotiche specifiche. Altrimenti attendete la visita per discutere cosa è meglio fare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti