Infezione da HPV: può causare infertilità maschile?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 02/07/2024 Aggiornato il 02/07/2024

L'infezione da papilloma virus (HPV) contratta da un uomo in effetti può avere come conseguenza l'infertilità, tuttavia si tratta di un'eventualità davvero remota. Nella maggioranza dei casi guarisce in modo spontaneo senza lasciare conseguenze.

Una domanda di: Caterina
Il virus HPV può causare infertilità maschile. Ma vale anche per un soggetto che guarisce? Dopo la guarigione è possibile che ci siano ancora problemi di
fertilità o è una cosa che si risolve? Grazie per la risposta.
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Gentile signora,
si stima che almeno il 70 per cento della popolazione maschile contragga il papilloma virus (HPV) almeno una volta nella vita. Per fortuna, nella maggior parte dei casi
l’infezione è transitoria e si risolve spontaneamente grazie all’intervento del sistema immunitario che da solo è in grado di contrastare il virus impedendogli di fare danni. Quando l’HPV determina nei genitali o nella zona dell’ano la comparsa di escrescenze – si chiamano condilomi acuminati e sono popolarmente noti come “creste di gallo” per via della loro forma – si può ricorrere a trattamenti chirurgici locali, per esempio con il laser, per eliminarli. Altre cure non ce ne sono, ma la risoluzione ripeto è quasi
sempre spontanea. Nel frattempo è d’obbligo l’uso del profilattico durante i rapporti sessuali. L’infertilità come conseguenza dell’infezione è un’eventualità possibile ma davvero remota, come si può dedurre dalla diffusione dell’infezione da HPV. Se fosse una conseguenza frequente avremmo la maggior parte della popolazione maschile infertile, ma ovviamente le cose non stanno così. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti