Infezione da ureaplasma nella 37ma settimana di gravidanza

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 28/03/2022 Aggiornato il 28/03/2022

Individuare in vagina il batterio Ureaplasma non ha alcun significato medico e non espone il nascituro ad alcun rischio, tant'è che il tampone per ricercarlo non viene effettuato di routine.

Una domanda di: Valeria
Mi trovo alla 37 esima settimana di gravidanza e avendo effettuato i vari tamponi sono risultata positiva all’Ureaplasma urealycticum. Premetto che già ad inizio gravidanza feci tamponi e non c’era ero positiva solo ad enterococco, tamponi che ho poi ripetuto dopo la cura antibiotica ma l’enterococco non era andato via. Ora invece sono positiva solo a Ureaplasma. Sinceramente ho letto un po’ su internet e mi sono molto preoccupata per via della trasmissione al feto, sia per i rischi polmonari che di meningite neonata. Settimana prossima ho sia il monitoraggio in ospedale che la visita con la ginecologa ma mi sento proprio buttata giù da questa notizia. Volevo chiederle quante percentuali ci sono di trasmissione al feto di questo batterio e i pericoli?
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, stia serena. A termine di gravidanza un’infezione vaginale da Ureaplasma non è associata ad infezione del neonato. Tanto è vero che non viene testata di routine. L’importante è non avere il tampone vagino rettale positivo per lo streptococco beta emolitico, nel qual caso è indicata una profilassi antibiotica al momento del travaglio. Ma lei di questo non fa cenno. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti