Infezioni genitali in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 13/04/2021 Aggiornato il 13/04/2021

Per controllare le infezioni è necessario seguire con attenzione le cure prescritte. E questo vale anche al di fuori della gravidanza.

Una domanda di: Rossella
Ho 29 anni e sono a 26 settimane della mia
prima gravidanza.
Da tamponi vaginali e cervicali sono risultata positiva a Ureaplasma parvum,
fatto primo ciclo di antibiotici con augmentin e dafnegin ovuli vaginali per
6 giorni.
Ripetuti i tamponi il batterio è ancora presente, mi hanno prescritto meclon
ovuli vaginali x 6 sere e assunzione di fermenti lattici (lo facevo già
precedentemente) ora mi hanno prescritto inatal.
Tamponi da ripetere a fine cura.
Ho avuto una prom (rottura prematura delle membrane n.d.r.) per amniocentesi a 20 settimane e dopo 10 giorni di
ricovero eccomi qui, fuori pericolo fortunatamente ma in preoccupazione per
questi batteri.
La cura è adatta alla mia situazione?
Se dovesse risultare ancora presente il batterio come posso conviverci?
Ho veramente paura per parto prematuro e tutto ciò che ne consegue… Sono
preoccupata.
Ringrazio per il consulto e attendo gentile risposta!
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, la sua gravidanza è stata un po’ complicata finora…le auguro di poter proseguire per il meglio nelle prossime settimane!
Intanto credo che l’assunzione di I-Natal possa contribuire a prevenire ulteriori infezioni a livello cervico-vaginale e quindi le confermo che è un buon investimento da proseguire (1 bustina/die) se possibile fino al termine della sua gravidanza.
Quanto al trattamento dell’Ureaplasma parvum, in teoria il farmaco di scelta sarebbe l’Azitromicina ma, dal momento che le sono stati prescritti farmaci diversi mi sorge il dubbio che l’antibiogramma effettuato contestualmente al tampone cervicale avesse mostrato una resistenza a questo tipo di antibiotico, dico bene? Altrimenti, il trattamento con Azitromicina in teoria prevederebbe un dosaggio di 500 milligrammi in mono-somministrazione per 3 giorni consecutivi, ma è opportuno che sia il suo Curante a indicarle i dosaggi del trattamento.
Essendo lei alla sua prima gravidanza, può permettersi il “lusso” di stare a riposo il più possibile, almeno fintantoché i tamponi non ritornano nuovamente negativi. Nel frattempo la invito a cercare tutto ciò che le regala benessere: buon cibo, buona musica e anche, perché no, buone letture…soprattutto in dolce attesa vale questa “regola”: il bimbo sta bene se sta bene la sua mamma!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti