Infliximab assunto in gravidanza: il bebè potrà essere vaccinato?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 02/10/2019 Aggiornato il 02/10/2019

L'assunzione di anticorpi monoclonali durante la gravidanza non è una controindicazione nei confronti delle vaccinazioni da somministrare al bambino dopo la nascita.

Una domanda di: Lucia
Salve dottore, ho una domanda che riguarda i vaccini: ho una bimba di quasi 2 mesi e a breve inizierò con i vaccini i quali sono, come lei saprà, antiDPTa -HIB-IPV-heB, anti pneumococcica e anti rotavirus.
Dato che mia figlia è nata con me in terapia con Infliximab, il gastroenterologo mi disse che non potevo far fare a mia figlia fino a 6/12 mesi di vita i vaccini vivi. La mia domanda è: quali tra questi lo è? Ho letto che il rotavirus è un vaccino vivo attenuato che significa? E comunque un vaccino vivo cosa comporta se non lo faccio o se si fa dopo questi mesi? Lo so che sono importanti i vaccini ma se mi è stato detto così un motivo ci sarà. Grazie mille.
Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile mamma,
sua figlia può e deve fare tutte le vaccinazioni che le sono state proposte.
Non esiste alcuna controindicazione per il Rotavirus a sua figlia, per la terapia che lei ha praticato in gravidanza e/o pratica.
La sua terapia può rappresentare motivo di prudenza qualora lei personalmente (e non la sua bambina!) dovesse fare dei “vaccini vivi”.
Le consiglio di consultare la Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni (sito del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, della Società Italiana di Pediatria), molto ben fatta e dettagliata, in particolare a pag. 183 dove si fa riferimento al vaccino contro il Rotavirus.
Cordiali saluti.

p.s. ecco il link dove scaricare la Guida: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2759_allegato.pdf

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti