Inositolo, ritardo mestruale e test di gravidanza negativo

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 21/10/2020 Aggiornato il 21/10/2020

L'inositolo può dare una mano alle fertilità, ma non è una certezza che possa rivelarsi efficace.

Una domanda di: Sandra
Perché sono in ritardo? Assumo Chirofert, ho fatto il test di gravidanza ed è uscito negativo. Come mai?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
l’inositolo non è un farmaco, ma un integratore. Può favorire la fertilità in quanto è d’aiuto nelle condizioni in cui l’attività delle ovaie è difettosa. Può farlo, ma non è una certezza, non è un farmaco, solo un supporto che potrebbe dare una mano. Per il resto non posso proprio indovinare la ragione del suo ritardo, cone le poche informazioni in mio possesso. Non mi ha detto neppure quanti anni ha, dato estremamente importante quando si parla di fertilità, né da quanto tempo sta cercando una gravidanza, né se è interessata dalla sindrome dell’ovaio policistico. Se il ritardo dovesse protrarsi e il test di gravidanza continuasse a essere negativo, le consiglio di effettuare un controllo dal suo ginecologo. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti