Integratore per stimolare a fertilità: serve davvero?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 26/03/2024 Aggiornato il 26/03/2024

Esistono dati a favore dell'efficacia degli integratori che favoriscono la fertilità femminile e altri che invece fanno dubitare della loro efficacia. Ogni medico ha la propria opinione riguardo alla loro utilità quindi un secondo parere può essere irrilevante.

Una domanda di: Valentina
Dopo una prima gravidanza (arrivata subito) è finita purtroppo a 6 settimane, dopo 3 mesi mi affido ad un altro ginecologo che si accorge che ho l’ovaio micropolicistico da premettere che sono rimasta un po’ allibita perché ho sempre avuto dei cicli regolari mai un giorno di ritardo a parte in gravidanza. Comunque mi prescrive subito Inofolic phd da prendere due volte al giorno, ma non mi ha spiegato bene la sua funzionalità. Leggo che aiuta a stimolare la fertilità ma ringraziando Dio non credo sia il mio caso, ho molti dubbi su questa pillola lei che ne pensa? E poi per concludere dopo Pasqua dovrò fare una isteroscopia per pulire l’endometrio: dopo l’aborto mi è rimasto un grumo di sangue che non riesco ad espellere nonostante siano passati 3 mesi: cosa ne pensa anche di questo!? Grazie in anticipo, allego foto dell’ultima ecografia.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Valentina,
vi sono dati a favore del prodotto che lei menziona e dati che invece fanno dubitare della sua efficacia.
La mia opinione a riguardo è irrilevante ma credo che un normale controllo del suo meccanismo ovulatorio, soprattutto del progesterone post ovulatorio possa sincerarci che l’attività ovarica è nella norma.
Il piccolo residuo coriale che si intravede nell’ecografia giustifica la richiesta del suo medico di controllarlo per via isteroscopica ambulatoriale. Se la proposta non la convince può differire questa procedura di 3 mesi e vedere se l’utero si ripulisce in modo spontaneo.
Pericoli per la sua salute non ve ne sono né aumento del rischio di aborto nel caso concepisse, anche se questo piccolo residuo fosse ancora presente. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti