Integratori e irregolarità mestruale

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 22/12/2020 Aggiornato il 22/12/2020

Gli integratori che vengono prescritti per sostenere l'attività delle ovaie possono favorire la regolarità delle mestruazioni, anche ritardando la comparsa del flusso sanguigno in caso di ciclo breve.

Una domanda di: Sandra
Salve, assumo Chirofert e Clomid. Chirofert da agosto, Clomid dal primo
ciclo mestruale arrivato il 7 ottobre ma niente. Il 9 novembre ho avuto le mestruazioni ed ho iniziato il secondo ciclo di Clomid. L’11 dicembre ho fatto
il test di gravidanza: negativo. A oggi non sono ancora arrivate. Mi chiedevo se con Chirofert le mestruazioni possono tardare? O dovrei fare un altro test? Grazie in anticipo.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Sandra,
le consiglio di porre questi quesiti alla sua ginecologa/al suo ginecologo, che conosce la sua storia clinica.
Gli integratori come il Chirofert potrebbero essere efficaci nel regolarizzare il ciclo mestruale, anche se i dati al riguardo non sono conclusivi.
Potrebbero, quindi, ritardare la comparsa delle mestruazioni nelle donne che hanno cicli di breve durata.
A mio parere, nel suo caso è, però, poco probabile che il ritardo sia associato all’integratore.
Valuterei, come già accennato, con la/il ginecologo/a se effettuare un nuovo test di gravidanza. In generale a fronte di un ritardo delle mestruazioni, soprattutto se si sta cercando una gravidanza, eseguire il test è opportuno. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti