Integratori in 13ma settimana: conviene davvero assumerne tanti?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 20/06/2022 Aggiornato il 20/06/2022

Gli integratori possono rivelarsi utili, ma non si deve esagerare. Eventuali modestissime carenze possono essere risolte attraverso un'alimentazione corretta e ricca di principi nutritivi in gradi di compensare eventuali mancanze.

Una domanda di: Caterina
Salve professore vorrei un parere per quanto riguarda le mie analisi del sangue. Sono quasi alla tredicesima settimana di gravidanza e ho riscontrato alcuni valori bassi e anche il livello delle proteine è al limite. Da quasi un mese prendo Imunfer, da prima della gravidanza prendo Prefolic 15 (per mutazione genetica mthfr c677t mutato omozigote) e alterno Premavit materno e Cald citrato (un giorno l’uno e un giorno l’altro per non appesantire troppo lo stomaco. In più da un mese prendo Eutirox 25 perché il mio ginecologo aveva visto aumentare il TSH: vorrei sapere se secondo lei va bene la cura che sto facendo (parlo degli integratori) o se per voi bisogna aggiungere qualcosa e se per il ferro sia più indicato il Ferrograd (se si può prendere in gravidanza visto che è mutuabile). Le invio le mie analisi per un vostro parere, comunque per quanto riguarda la tiroide il valore rispetto a un mese va si è abbassato prima il TSH stava a 3,65.
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora, prima di tutto voglio dirle che il suo ginecologo ha agito nel migliore dei modi prescrivendole l’Eutirox che, infatti, al dosaggio suggerito, ha determinato l’effetto desiderato riportando la situazione alla normalità. Continui pure con i controlli della funzionalità della tiroide, secondo gli intervalli indicati dal suo ginecologo. Anche dopo il parto le consiglio di effettuare un ulteriore accertamento, mediante gli esami del sangue per il dosaggio degli ormoni tiroidei, allo scopo di verificare se la situazione richiede ancora di essere controllata con l’Eutirox o se invece può essere opportuno sospendere il farmaco. Per quanto riguarda gli integratori direi che non è proprio il caso di aggiungerne altri. A proposito del ferro, può tranquillamente assumere il Ferrograd che è mutuabile. Direi di aumentare leggermente il consumo di proteine (carne, uova, ceci, lenticchie, fave, fagioli, pesce) alternando gli alimenti che ne sono ricchi. Tenga però presente che comunque un valore “al limite” è ancora un valore normale. Ogni giorno le consiglio di bere del succo di limone (va bene mescolato all’acqua per temperarne l’asprezza) in quanto per sua caratteristica favorisce l’assorbimento del ferro da parte dell’organismo. Riguardo all’anemia non mi sembra che i suoi valori destino preoccupazione. Di fatto, in gravidanza si verifica un aumento di volume del sangue che determina automaticamente una diluizione dei globuli rossi e dell’emoglobina: significa che la loro diminuzione, se è modesta, è solo apparente. In altre parole, in gravidanza, un lieve abbassamento di emoglobina, eritrociti, ematocrito rispetto al range di normalità riportato nel referto è poco significativo. Credo quindi che possa stare tranquilla: tutto sta andando per il meglio. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti