Integratori per aumentare la concentrazione di un bimbo: funzionano?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 29/04/2022 Aggiornato il 29/04/2022

Più che cercare in un integratore la soluzione per un bambino poco concentrato è opportuno, se occorre, agire sul suo stile di vita.

Una domanda di: Mary
Ho chiesto alla mia pediatra un integratore che favorisca la concentrazione per aiutare mio figlio di 7 anni anche con lo studio e mi ha consigliato Stefort
flaconcini: lei cosa ne pensa? Grazie.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
integratori che diano sicuri effetti sulla concentrazione non esistono, almeno non con una letteratura solida alle spalle che ne confermi l’efficacia. Poi spesso si cercano prodotti che abbiano in qualche modo un’azione sul problema della difficoltà di concentrazione. Devo dire che al di là di prodotti di integrazione, già il fatto di condurre uno stile di vita sano basato su alimentazione corretta, movimento e sport., buona idratazione, frutta e verdura 5 volte al giorno garantiscono la migliore predisposizione alla concentrazione. Permetta dunque al suo bambino di giocare all’aperto, liberamente, di trascorrere più tempo con gli amichetti e meno davanti alla tivù o al tablet, gli proponga merende sane, pane, marmellata senza zuccheri aggiunti, frutta. Così sarà più facile che la situazione migliori. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti