Interruzione di gravidanza dopo tre bimbi: perché?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 20/06/2021 Aggiornato il 20/06/2021

Con il passare degli anni aumentano le probabilità che si verifichi un aborto spontaneo, proprio per una questione di età anagrafica della coppia.

Una domanda di: Marina
Gentilissimo Dottore, volevo chiederle un suo parere riguardo al fatto che ho appena compiuto 40 anni, sono sana, sportiva non bevo e fumo, sono mamma di 3 splendidi bimbi. Qualche tempo fa sono rimasta incinta e l’ho scoperto per caso, dato che io e mio marito siamo sempre stati molto attenti e non c è mai stato un rapporto completo. Purtroppo il cuoricino del piccolo ha smesso di battere in 8+2, e lunedì dovrò prendere il farmaco per l’espulsione. Le chiedo secondo lei ho ancora possibilità di restare incinta e di portare avanti una gravidanza sana? Se sì dopo quanto tempo dovrei riprovare? Devo fare qualche esame preliminare? Aggiungo comunque che non ha mai avuto aborti prima di questo.
La ringrazio tanto fin da ora.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, l’aborto spontaneo è un evento molto più frequente di quanto si possa immaginare. Nel suo caso, successivo a gravidanze spontanee portate a termine regolarmente, potrebbe essere dipeso dal fatto che col passare degli anni la qualità cellulare tende a diminuire sia sul lato materno che sul lato paterno e quindi è più facile che l’embrione presenti anomalie che inducono la natura stessa a eliminarlo. Naturalmente tale situazione non deve impedirle di ricercare la gravidanza, se questo è il suo desiderio. Normalmente dopo un episodio non andato a buon fine è possibile ricercare la gravidanza già nel mese successivo.
Può effettuare una valutazione microbiologica vaginale per verificare la presenza di germi e rendere più facile la ricerca della gravidanza in loro assenza, altresì può anche verificare insieme al suo specialista di fiducia, la riserva ovarica per valutarne lo stato e programmare la gravidanza. Nel frattempo assuma acido folico (una compressa da 400 microgrammi al giorno) per tutto il periodo di ricerca della gravidanza e almeno fino alla fine del primo trimestre: serve a prevenire gravi malformazioni nel feto.
Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti