Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 22/11/2019 Aggiornato il 25/11/2019

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.

Una domanda di: Liliana
Sono una nonna di una bimba di due anni, abbiamo scoperto da poco che è intollerante ai latticini e piselli e lenticchie, prima mangiava volentieri i formaggi oggi mangia poco tranne la carne rossa e pesce con crema balsamica, utilizzata dalla mamma e papà per poterle fare mangiare il pesce, ho paura che possa farle male voi che dite? Quante volte può mangiare la carne ed il pesce? Potete darmi una dieta per la sua età? Grazie.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora sono molto perplesso e francamente non ci credo che a due anni sia “intollerante” agli alimenti. Intolleranza alimentare è un concetto già vago e spesso abusato senza una chiara evidenza nelle età successive e nemmeno da ipotizzare a due anni di età. Diverso se fosse allergica ma una allergia al latte che si scopre a due anni mi viene difficile da credere. Poi, detto questo (che significa riconsiderare la diagnosi, come consiglio vivamente di fare) senza latte e latticini si può vivere bene, mangiando tutto quello che la bambina vuole, ma integrando la sua dieta con il calcio che, senza il latte e derivati, è certamente insufficiente. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti