Iperplasia focale nodulare del fegato: si può affrontare una gravidanza?

Dottor Giovanni Galati A cura di Dottor Giovanni Galati Pubblicato il 11/05/2022 Aggiornato il 12/05/2022

Una formazione benigna nel fegato non rappresneta un ostacolo per la gravidanza. Richiede però alcuni controlli in più nell'arco dei nove mesi.

Una domanda di: Irene
Buongiorno ho FNH di 11 cm al fegato e vorrei avere una gravidanza, potrebbe essere un problema? Quali potrebbero essere le conseguenze? Grazie anticipatamente per la vostra risposta.
Giovanni Galati
Giovanni Galati

Carissima, l’iperplasia focale nodulare è una formazione benigna del fegato. Di fatto è “fegato normale” che ha subito un processo di rimaneggiamento vascolare con un’area di fibrosi centrale, come fosse una “cicatrice” del suo fegato per intenderci, che non presenta in sé alcun rischio di degenerazione. Le dimensioni che riferisce sono importanti, ma se la diagnosi è certa (ed oggi con la risonanza magnetica con mezzo di contrasto epato-specifico è possibile porre una diagnosi di certezza) e non ha alcun disturbo, può affrontare serenamente una gravidanza. Tuttavia, siccome alcune formazioni epatiche possono essere sensibili alle variazioni ormonali in corso di gravidanza, consiglio un monitoraggio ecografico anche ogni 3-4 mesi sino a verifica che non ci siano modifiche dimensionali, per poi tornare a usuali controlli. Un augurio sincero per il suo futuro.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti