Iperplasie nodulari al fegato e PMA

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 15/05/2020 Aggiornato il 18/05/2020

Una gravidanza, anche ottenuta grazie alla procreazione medicalmente assistita, può iniziare ed essere portata a termine nonostante la presenza di una patologia epatica benigna.

Una domanda di: Natascia
Dopo un’ecografia dell’addome completo e successive risonanze magnetiche mi sono state riscontrate due piccole iperplasie nodulari focali al fegato, ora ho intrapreso un percorso di procreazione medicalmente assistita e per la preparazione al transfer dovrei prendere degli estrogeni che mi sono stati caldamente sconsigliati in sede di diagnostica dell’iperplasia, come devo comportarmi? Grazie per i consigli che potrete darmi.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora, da quanto emerge in letteratura a proposito di Iperplasia Nodulare Focale si può concludere che:
– è una patologia molto comune e di natura benigna che interessa il fegato
– colpisce sopratutto le donne in età fertile (tra i 20 e i 60 anni)
– è asintomatica nel 70-90% dei casi e solitamente si scopre incidentalmente effettuando indagini con esami strumentali per altre indicazioni
– la sua associazione con gli ormoni estrogeni è controversa e certamente meno evidente di quella che si riscontra per gli adenomi epatici
– solitamente non si associa a complicanze quali il sanguinamento e non ha tendenza alla trasformazione maligna (ossia in epatocarcinoma)
– è raccomandato un monitoraggio strumentale nei pazienti in cui viene diagnosticata, con cadenza variabile tra i 6 mesi e i 2 anni a seconda del decorso della patologia
– Eccezionalmente, noduli di grandi dimensioni associati a sintomi e/o compressione di strutture limitrofe possono essere suscettibili di correzione chirurgica
Detto questo, direi che la gravidanza può essere ricercata…è vero che corre il rischio di vedere aumentare di diametro queste piccole lesioni ma vogliamo paragonarlo alla gioia di diventare mamma?
Tra parentesi, vorrei sottolineare che non solo le cure per la procreazione assistita, ma soprattutto la gravidanza la esporranno a dosi massicce di estrogeni (oltre che di progesterone e tanti altri ormoni come in un’orchestra da camera).
Credo sarà opportuno monitorare gli indici di funzionalità epatica nel corso della gravidanza, di modo da cogliere per tempo eventuali segni di sofferenza o sovraccarico a carico del fegato (organo che viene molto sollecitato dai cambiamenti ormonali e metabolici tanto che anche in donne sane si possono avere segni di affaticamento epatico, soprattutto nel terzo trimestre, infatti una patologia piuttosto comune è proprio la colestasi gravidica).
Inoltre, immagino che nel corso della gravidanza le sarà proposto di esaminare nuovamente il fegato per verificare l’eventuale incremento nelle dimensioni delle lesioni già note.
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti