Ipertensione in gravidanza: si possono assumere i beta-bloccanti?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/12/2020 Aggiornato il 28/12/2020

Dal secondo trimestre di gestazione in avanti, i beta-bloccanti sono controindicati perché potrebbero compromettere il benessere del bambino.

Una domanda di: Nicoletta
Salve, sono una collega alla sesta settimana di gestazione. È la terza gravidanza e
sono ipertesa cronica da più di 10 anni. Nelle precedenti gravidanze ho assunto
aldomet fino a 500 x 3, associato in maniera isolata ad adalat, ma avendo anche emicrania questi farmaci mi davano un gran mal di testa tanto da
costringermi ad assumere quasi ogni giorno tachipirina e caffè, oltre che
non controllavano assolutamente la mia pressione in quanto di base non in
periodo di gravidanza le mie terapie sono bisoprololo e sartani. Ora, siccome
ho da giorni fatto un holter sotto aldomet 250 x 3 e la mia pressione viaggia
da sveglia su 140-150/100-105 mi domando se potrei almeno stavolta prendere
i beta bloccanti (nessun collega cardiologo me lì propone né tantomeno il
ginecologo) sempre se non abbiano effetti negativi sul feto. Leggo in
letteratura pareri contrastanti, magari lei ha esperienza in
merito. Consideri che i miei bambini di 4 e 2 anni sono nati con parto indotto a
38 settimane e per fortuna non hanno avuto nessun problema se non essere nati
di peso di circa 2600. La placenta era davvero brutta entrambe le
volte. Assumevo sia cardioaspirina sia eparina. Grazie se mi fornirà
dettagli esaustivi per il mio caso è magari anche un contatto diretto di
cardiologi specializzati in trattamento durante la gravidanza. Saluti.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile collega, il suo caso non è affatto semplice come sovente accade per chi fa parte del mestiere…
E’ vero, in gravidanza gli anti-ipertensivi di scelta sono l’Alfametildopa o Aldomet e i calcio-antagonisti come la Nifedipina. Sono certamente da escludere i diuretici, i sartani e gli ACE inibitori.
Quanto ai beta-bloccanti possiamo considerarli compatibili nel primo trimestre di gravidanza. Nel periodo seguente, potrebbero diventare rischiosi per il benessere del nascituro in quanto possono interferire con la tachicardia compensatoria che il feto mette in atto in seguito a fenomeni di compressione del cordone con relativa diminuzione del flusso sanguigno (come accade per esempio in seguito alle contrazioni uterine).
Inoltre, l’utilizzo in gravidanza di beta-bloccanti quale ad esempio il Propanololo, ha comportato un restringimento della crescita fetale.
L’unico beta (ma anche alfa-)-bloccante che mi risulta essere compatibile in gravidanza è il Labetalolo.
Normalmente, lo si utilizza al dosaggio di 50-100 mg ogni 12 ore, il dosaggio massimo è invece di 600-800 mg/die.
Il trattamento dell’ipertensione gestazionale vede come protagonista la Nifedipina (specie nella formulazione Crono da 30 o 60 mg), a cui si associano in alternativa il Labetalolo oppure l’Alfametildopa (solitamente al dosaggio di 250 mg x 3/die ma arrivando ad un massimo di 500 mg x 4/die).
L’obiettivo è quello di mantenere la pressione arteriosa sistolica minore di 140 mmHg e la pressione arteriosa diastolica minore di 90 mmHg.
Qualora i valori pressori non fossero controllati dalla terapia, sarebbe opportuno il ricovero in ospedale per arrivare al trattamento ottimale nel suo caso specifico.
Quanto ai cardiologi specializzati nel trattamento durante la gravidanza, non sapendo da dove mi scriva non riesco a darle indicazioni precise ma immagino che, in caso di un suo ricovero in ostetricia, sarebbero certamente coinvolti per una consulenza specialistica.
Riguardo all’emicrania, mi permetto di osservare che i triptani sarebbero una terapia compatibile anche in gravidanza (ad esempio Sumatriptan) e certamente preferibile all’impiego di caffeina che, per quanto efficace nel contrastare la cefalea, potrebbe avere effetti negativi sull’efficacia della terapia anti-ipertensiva.
Spero di esserle stata di aiuto, resto a disposizione se desidera.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti