Ipertrofia dei turbinati: come controllarla in gravidanza?

A cura di Professor Daniele Monzani Pubblicato il 22/02/2023 Aggiornato il 22/02/2023

Esiste un prodotto medicinale in gocce che può aiutare, ma prima di assumerlo è opportuno discuterne con il proprio otorino di fiducia.

Una domanda di: Rosa
Sono alla 13 settimana di gravidanza e soffro di ipertrofia dei turbinati che mi sta dando molti problemi essendosi completamente chiuso il naso ormai da settimane. Prima della gravidanza facevo cura con nasonex spray, ora vorrei sapere cosa posso usare che non nuocia al bambino. Ho già provato soluzioni naturali ma con nessun risultato. Ringrazio e spero in una risposta. Grazie.
Daniele Monzani
Daniele Monzani

Gentile signora, non sono presenti in Italia farmaci per uso topico e/o inalatorio per la sua situazione, immagino un’ipertrofia dei turbinati inferiori, più o meno complicata da riniti stagionali e/o batteriche. Potrei suggerire l’uso di Doricum a bassassimo doraggio 2-3 gocce per narice, solo la sera, per breve tempo e previa visita dal suo otorino di fiducia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Test di gravidanza casalinghi: si può credere al risultato?

16/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

I test di gravidanza che si effettuano a casa con il kit che rileva l'eventuale presenza dell'ormone beta-hCG sono molto affidabili, se ovviamente vengono effettuati quando è ragionevolmente possibile che l'ormone in questione sia già stato prodotto.  »

Paura di aver contratto la listeriosi: c’è un esame da effettuare subito?

14/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

La diagnosi certa di listeriosi viene effettuata grazie all'analisi del sangue per la ricerca del batterio responsabile. Ma questa indagine è consigliata solo se dopo il presunto contatto con il Listeria monocytogenes compaiono sintomi gastrointestinali riconducibili all'infezione.   »

Pancera post parto: sì o no?

10/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La pancera (o guaina) da indossare dopo il parto suscita pareri discordanti tra gli specialisti. In linea di massima, in caso di parto naturale non è opportuno metterla, mentre può servire alle neo mamme sottoposte a cesareo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti