Ipotiroidismo, Eutirox e allattamento

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 28/07/2021 Aggiornato il 28/07/2021

L'Eutirox si può tranquillamente assumere quando si allatta, quindi va impiegato senza esitazione in presenza di ipotiroidismo.

Una domanda di: Pamela
Al termine della gravidanza esaminando i valori della tiroide mi accorgo di
un leggero ipotiroidismo, da premettere che questi esami mi sono stati prescritti
nell’ultimo trimestre, prima mai controllata la tiroide… Nasce la
bambina il 3.07.21 con taglio cesareo programmato e iniziano a fare i test, appena nata,
dopo 15 giorni, e dovrò portarla i primi giorni di agosto…
Quanto devo preoccuparmi?
Ci sono altri esami che posso fare io?
Da precisare che allatto al seno e mi hanno sospeso eutirox da 50 che ho
preso negli ultimi due mesi di gravidanza.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
procediamo per gradi. In primo luogo non so dirle “quanto si deve preoccupare” rispetto alle conseguenze che il suo ipotiroidismo potrebbe aver determinato sulla sua bambina perché non mi ha riferito nulla rispetto ai valori riscontrati del TSH e dell’FT4 e “leggero ipotiroidismo” non vuol dire nulla. Non capisco neppure perché abbia sospeso l’Eutirox: spero che sia stato in quanto i valori del TSH e dell’FT4 sono rientrati nella norma e che questo sia stato accertato con lo specifico esame del sangue. Se così non fosse deve effettuare subito il dosaggio del TSH e dell’FT4: se il primo fosse al di sopra di 4.2 e il secondo non risultasse nei limiti di normalità indicati nel referto deve senz’altro riprendere l’Eutirox, che è COMPATIBILE CON L’ALLATTAMENTO. Cioè non si deve sospendere l’allattamento quando si assume l’Eutirox. Per la dose, deve indicarla l’endocrinologo dopo aver valutato il risultato degli esami. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti