Irregolarità mestruale a 46 anni: può essere lo stress?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 14/12/2020 Aggiornato il 14/12/2020

E' più probabile che in età matura le alterazioni del flusso mestruale siano in relazione con l'approssimarsi della menopausa più che con la tensione emotiva o il cambio di stagione.

Una domanda di: Alessia
Gentile dottore, sono una donna di 46 anni che ha sempre avuto un ciclo
regolare di 28 giorni. Questo fino a settembre 2020. A ottobre ho avuto il
ciclo con due giorni di ritardo. È durato poco come sempre quattro giorni e
non era abbondante, non lo è mai stato. Poi c’è stata l’ovulazione e ora non mi è ancora arrivato. Soffro di tiroide ma non credo significhi molto, visto che il ciclo
è sempre stato puntuale anche con valori alterati. Ho i sintomi, tanta ritenzione idrica,gonfiore addominale tipico del preciclo, ma
ricordo solo di aver assunto farmaci a base di diclofenac e integratori a base di centella nel solo mese di ottobre, poi nulla. Sono
molto spaventata sinceramente. Non so se pensare al cambio di
stagione, stress o altro.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
non c’è da spaventarsi e ha ragione a ritenere che nel ritardo mestruale non sia implicata la tiroide. Alla sua età è fisiologico che inizino le irregolarità del ciclo, in quando sono espressione dell’approssimarsi della menopausa. Se è vero infatti che possono trascorrere ancora alcuni anni prima che l’attività delle ovaie cessi del tutto lo è altrettanto che è naturale che inizino proprio intorno alla sua età le prime alterazioni del ciclo. Nei prossimi mesi è possibile che gli intervalli tra una mestruazione e l’altra diventino molto più lunghi rispetto all’abituale o, al contrario, più brevi, senza che questo sia espressione di qualcosa che non va. Inoltre, il flusso sanguigno potrebbe essere via via più scarso e manifestarsi per un tempo minore rispetto al solito. Le consiglio comunque di effettuare un controllo ginecologico, in occasione del quale è probabile che il collega le prescriva l’esame del sanque per i dosaggi ormonali, utile per avere informazioni sull’attività ovarica. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti