Irregolarità mestruale: allattamento o PCOS?

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 10/06/2020 Aggiornato il 10/06/2020

La sindrome dell'ovaio policistico per sua caratteristica può causare irregolarità del ciclo, come anche l'allattamento. Tuttavia il mancato arrivo delle mestruazioni deve suggerire di fare il test di gravidanza.

Una domanda di: Laura
Sono una neo-mamma con sindrome dell’ovaio policistico. Mio figlio ha 8 mesi, ho iniziato lo svezzamento ma il bambino prende ancora latte dal mio seno. Sono policistica e prima della gravidanza per favorire il ciclo usavo inofert combi. Il mese scorso ho avuto il ciclo, questo mese ancora non è arrivato. Posso considerare questa irregolarità dovuta al fatto che sto ancora, seppur parzialmente, allattando? Devo riprendere inofert combi o allattando ancora in parte potrebbe essere nocivo per il bambino?
Grazie per la risposta.
Sara De Carolis
Sara De Carolis

Gentile signora,
auguri per essere diventata mamma. Purtroppo la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) si ripresenta in genere dopo la gravidanza, anche esprimendosi con l’irregolarità dei cicli. Tuttavia, ha escluso la possibilità di essere incinta? Anche in allattamento una gravidanza può iniziare, quindi le consiglio, se già non lo ha fatto, di effettuare il test di gravidanza fai-da-te che si esegue sulle urine. Per quanto riguarda l’integratore di cui lei parla, a base di myo-inositolo e D-chiro-inositolo, come riportato nel foglietto di accompagnamento, alla voce “avvertenze”, non deve essere assunto in allattamento. Al di fuori dell’allattamento può senz’altro essere d’aiuto per controllare la sindrome dell’ovaio policistico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti