Irregolarità mestruali dopo un paio di mesi dall’impiego della pillola del giorno dopo

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 11/10/2022 Aggiornato il 11/10/2022

Nell'arco della vita fertile può capitare di avere cicli più lunghi o più corti, senza che questo sia significativo dal punto di vista medico. E a prescindere dall'impiego del contraccettivo di emergenza.

Una domanda di: Jennifer
Le scrivo in quanto l’ultimo ciclo l’ho avuto il 20/09 e oggi 9/10 è tornato, con 8 giorni di anticipo (seguendo il mio calendario). Il 17 agosto ho assunto la pillola del giorno dopo, sia ad agosto che a settembre il ciclo era regolare, ora invece sono spaventata in quanto non l’ho mai avuto in anticipo. Ho sempre avuto rapporti protetti però ovviamente c’è sempre una percentuale di rimanere incinta. Vorrei avere un suo parere, preciso che ho avuto una settimana con stress e ansia (che però di solito mi fa ritardare il ciclo, non anticipare) grazie mille!!
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora, primo: il calendario non è affidabile. Per prevedere l’ovulazione è necessario conoscere i giorni fertili, ai quali l’ovulazione segue. Secondo: ha preso la pillola del giorno dopo in prossimità del flusso mestruale? Verosimilmente il rapporto non era nei giorni fertili, ma lei non è in grado di poterlo sapere. Potrebbe saperlo solo conoscendo la fisiologia del ciclo. Terzo: è importante usare il profilattico, ma se si rompe nei giorni fertili è come non averlo usato. Se lo usa nei giorni fertili e vuole essere sicura deve associare il coito interrotto, ma l’indicazione ha un senso solo se si impara a riconoscere i giorni fertili. Quarto: possono capitare cicli più lunghi o più corti. In questi casi la presenza del muco fertile le permette di capire che l’ovulazione sta per avvenire e quindi una gravidanza non è iniziata. Ma appunto deve conoscerlo: è molto importante acquisire questa conoscenza, anche per nona llarmarsi quando non ce ne sarebbe motivo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti