Isteroscopia e successive perdite di sangue

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/08/2020 Aggiornato il 24/08/2020

Per comprendere le cause di un sanguinamento che si rpotrae per giorni dopo l'isteroscopia, occorre effettuare indagini mirate, che deve essere il ginecologo curante a indicare.

Una domanda di: Silvia
Buongiorno dottoressa, 12 giorni fa ho fatto un’isteroscopia diagnostica perché ho avuto emoraggie continue post ciclo. Non è stato trovato niente e l’istologico è negativo.
Oggi ho ancora perdite di sangue denso e rosso vivace. Mi sento molto stanca e debole: praticamente è dal 26 di luglio che ho perdite! Mi devo preoccupare? Quanto durano le perdite dopo l’esame? Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, capisco la sua debolezza date le continue perdite di sangue…mi auguro lei abbia eseguito un esame del sangue denominato “emocromo con formula” per avere idea del valore della sua emoglobina e, di conseguenza, della presenza o meno di anemia. In secondo luogo, immagino lei abbia effettuato una visita ginecologica con ecografia pelvica prima di sottoporsi alla isteroscopia diagnostica…che rimane un esame di secondo livello, per approfondire il dato clinico. All’ecografia si può rilevare la presenza di polipi endometriali, miomi uterini, cisti ovariche…tutte cause possibili di sanguinamento atipico. Una volta escluse queste cause organiche, ci si può inoltrare nell’ambito delle cause ormonali, anch’esse piuttosto frequenti.
A questo punto, credo quindi valga la pena ritornare in visita di controllo ginecologica con l’esito dell’isteroscopia per chiudere il cerchio con eventuali esami ematici (ad esempio FSH, LH, TSH, Prolattina, 17beta estradiolo, progesterone, emocromo con formula, beta-hCG in caso non si possa escludere al 100% una gravidanza…), Pap test (se non eseguito di recente, sempre che le perdite ematiche si fermino) e decidere una terapia farmacologica per arrestare questo sanguinamento atipico (metrorragia è il termine specifico).
Di solito si utilizza del progesterone in compresse (ad esempio Farlutal o Primolut-Nor) per una decina di giorni in modo da arrestare il sanguinamento e tentare di ripristinare la ciclicità mestruale.
Resto a disposizione se desidera. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti