Ittero neonatale: è una controindicazione al vaccino?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 21/03/2022 Aggiornato il 21/03/2022

Il vaccino può essere tranqullamente effettuato su un piccolissimo con l'ittero.

Una domanda di: Rosy
Salve il mio bimbo ha 2 mesi esatti, ha la bilirubina alta, il neonatologo ha detto per incompatibilità di gruppo sanguigno: io 0 e lui A. Può comunque fare il suo primo vaccino? Grazie anticipatamente.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
l’ittero neonatale non è una controindicazione al vaccino. Del resto il valore di bilirubina totale segnalato all’ età di suo figlio non rappresenta un problema anche se dovuto a incompatibilità nell’ambito del gruppo AB0. Vada tranquilla.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti