L’ acido folico va bene per la perdita dei capelli?

Dottoressa Floria Bertolini A cura di Dottoressa Floria Bertolini Pubblicato il 05/01/2019 Aggiornato il 05/01/2019

L'impiego di acido folico non rappresenta la cura più usuale per contrastare la caduta dei capelli, anche se non è controindicato.

Una domanda di: Alina
Gentile Dottoressa,
mi è stato consigliato, di assumere Folina 4 mg per rinforzare i capelli, può andar bene visto che l’acido folico è preferibile usarlo in
gravidanza? La ringrazio anticipatamente.

Floria Bertolini
Floria Bertolini

Gentile Signora,
l’acido folico viene regolarmente usato nelle donne che pensano di programmare una gravidanza, poiché è stato dimostrato che è utile a prevenire nel nascituro alcune patologie neurologiche, dovute alla sua carenza, e il sistema nervoso si abbozza precocemente in corso di gravidanza.
Il suo utilizzo per la perdita dei capelli è meno frequente da solo, a volte viene consigliato prevalentemente in preparati multivitamici.
L’anemia va corretta se è presente ed è, infatti, proprio questa a essere una delle possibili cause di perdita di capelli.
A sua volta la causa di anemia più frequente è quella dovuta alla carenza di ferro. Nel caso specifico è importante individuare il motivo della perdita del ferro (a volte può essere in relazione con mestruazioni molto abbondanti che si rpotraggono per vari giorni) o del ridotto assorbimento e l’assunzione di ferro è molto utile per arrestare la caduta dei capelli.
L’anemia può essere dovuta anche ad un cattivo assorbimento della vitamina B12 e dell’acido folico. In questi casi la terapia, soprattutto con la vitamina B12, è molto importante.
Una recente revisione della letteratura, effettuato dal Dipartimento di Dermatologia di Miami, in merito all’uso di vitamine nella terapia della perdita dei capelli, ha riscontrato che la somministrazione di acido folico nella perdita di capelli, sembra dare risultati meno rilevanti rispetto alla somministrazione della vitamina B12.
Certamente il suo utilizzo non è controindicato anche se in genere non viene usato come unica terapia nella “perdita dei capelli”.
Parlo di “perdita dei capelli”, per usare un termine generico, non conoscendo la diagnosi che è stata fatta per la sua caduta dei capelli.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti