La polmonite si può riprendere?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 15/04/2019 Aggiornato il 15/04/2019

Dopo la guarigione da una polmonite, non vi è il rischio di ricadute, ma piuttosto la possibilità che il sistema di difesa naturale dell'organismo rimanga per qualche tempo meno efficiente perché indebolito dalla malattia.

Una domanda di: Maria
Salve dottore, un mese fa la mia bambina ha contratto la polmonite a causa del virus influenzale, volevo sapere se esiste il rischio che possa riprendersela? Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
il rischio non è un’altra polmonite, se la guarigione è stata completa. Caso mai rimane una certa diminuzione della reattività immunitaria, per cui è necessario essere prudenti nell’esposizione a rischi infettivi, per esempio evitando di portarla nei luoghi chiusi e affollati dove è più facile che circolino microbi. Per favorire il recupero dell’efficienza del sistema di difesa naturale dell’organismo, aiuta l’alimentazione varia, sana ed equilibrata e la possibilità di stare all’aperto ,a correre e saltare, se l’età lo consente ovviamente (non mi ha scritto quanti anni ha la sua bambina). Non va poi esposta al fumo passivo (ma questo deve valere sempre e per tutti i bambini) ed è bene che il suo sonno sia regolare, quindi che venga messa a dormire presto la sera, possibilmente sempre alal stessa ora. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti