La prima gravidanza si è interrotta: cosa accadrà con la seconda?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 22/10/2021 Aggiornato il 18/11/2021

Nella maggior parte dei casi l'aborto spontaneo si verifica perché l'embrione ha "qualcosa che non va". Ma l'eventualità può essere isolata e non predittiva di quanto accadrà nelle gravidanze successive.

Una domanda di: Gaia
Avrei bisogno di una delucidazione, vengo da un raschiamento a maggio per aborto interno, dove alla prima eco di 5+6 si era riscontrato un grande “distacco amnio-coriale”. Sono stata a riposo, impiegando ovuli di progeffik solo la sera, ma non si è risolto. Alla seconda eco il gine mi ha poi fatto il foglio per la preospedalizzazione (preciso che per il distacco non ho mai avuto né perdite e né dolori, per questo in seguito ho iniziato a pensare che magari si trattasse di un mancato accollamento). A settembre ho fatto delle anlisi e ho scoperto di avere la mutazione mthfr a1298c omozigote, omocisteina nella norma, ho fatto anche analisi piu specifiche date dall’ematologa e risultate tutte negative. Ora sono nuovamente incinta e il ginecologo da subito mi ha prescritto progeffik mattina e sera. Ho fatto lunedi una prima eco ero a 4+6 e si sono visti la camera di 6 mm e un “mancato accollamento”, definito così dal gine che comunque non mi ha dato riposo perchè dice che essendo all’inizio la camera si sta attaccando in questo periodo e mi ha dato appuntamento tra 3 settimane. Vorrei sapere: non è che questo piccolo mancato accollamento di adesso si trasformerà tra qualche giorno in un qualcosa di piu grande visto il precedente? Solo il pensiero di un’altra operazione mi distrugge. Grazie mille.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Gaia, purtroppo non tutte le gravidanze giungono a termine: una parte (in media 1 su 4) si ferma e l’aborto si verifica nei primi tre mesi. Le cause sono molteplici, ma per la maggioranza non si riesce ad identificarne una specifica. E’ una sorta di “selezione naturale”. Lo so che è un termine brutto, ma sta a significare che non possiamo farci nulla perché evidentemente quell’embrione ha “qualcosa che non va” e quindi lo sviluppo si arresta, la natura stessa non lo fa procedere. Non abbiamo una terapia da proporre perché la causa dell’aborto è intrinseca nell’embrione, purtroppo non possiamo farci nulla. In altri casi, la minoranza, la causa dell’aborto è una condizione materna su cui possiamo incidere con terapie adeguate. Nel suo caso, da quanto mi scrive, non sono stati identificati fattori di rischio specifici e quindi non vi è un rischio maggiore rispetto alla popolazione generale. Per quanto riguarda il “distacco amnio-coriale” non va confuso con l’aspetto normale che si osserva in ecografia a 5-8 settimane. In pratica la camera ovulare è una sfera all’interno della cavità uterina che possiamo immaginare come un cono rovesciato: e’ evidente che c’è dello spazio libero della cavità uterina non occupato dalla camera ovulare. Nessuno può dire ora se la sua gravidanza andrà avanti (come le auguro di cuore), non c’è altro da fare che aspettare cercando di stare il più serena possibile. Un abbraccio.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti