La statura dei maschietti dipende dalla mamma?

Professor Giovanni Porta A cura di Professor Giovanni Porta Pubblicato il 28/10/2017 Aggiornato il 01/08/2018

La statura che raggiungerà il bambino è un carattere multifattoriale: è influenzata cioè da variabili ambientali e genetiche.

Una domanda di: Michela
Caro professore,
ma è vero che la statura che avrà un figlio maschio è determinata dalla madre perché il gene è in X? Ho un marito molto alto (quasi 1.90) ma io sono appena 1,60: mio figlio prenderà da me, che oltretutto appartengo a una famiglia di persone tutte di bassa statura? Un’altra domanda: ho letto che le figlie femmine hanno alte probabilità di assomigliare alla nonna paterna….C’è del vero o è del tutto casuale (cioè le probabilità di somigliare a una o all’altra nonna sono uguali?).
Giovanni Porta
Giovanni Porta

Gentile signora,
la statura è un carattere multifattoriale, regolato da fattori ambientali e genetici. Per quanto riguarda i fattori genetici, la regolazione della statura è poligenica.
La variabilità del carattere statura è spiegata solo in parte dalle regioni genetiche finora identificate: le variazioni nei geni implicati nella regolazione della crescita spiegano soltanto il 10% della variabilità staturale tra gli individui. In relazione alla sua domanda, un gene implicato nella determinazione dell’altezza è il gene SHOX, le cui alterazioni sono associate a bassa statura familiare. Questo gene si trova su entrambi i cromosomi sessuali, sia sull’X che sull’Y (che proviene dal papà nei figli maschi), ed eventuali alterazioni possono essere trasmesse da entrambi i genitori sia ai figli maschi che alle femmine. Riguardo infine alla somiglianza, essa deriva da un insieme di caratteri quantitativi (come l’altezza e il peso) e caratteri qualitativi (come il colore degli occhi e dei capelli e i tratti somatici) che sono multifattoriali e poligenici. Questi caratteri complessi, singolarmente e nel loro insieme, non seguono meccanismi di ereditarietà semplice da un familiare a un altro, come da nonna a nipote.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti