L’aspirante papà può bere alcolici o è meglio di no?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/08/2019 Aggiornato il 03/09/2019

Mentre è opportuno che la donna si astenga dal bere alcolici anche nel periodo del concepimento, l'uomo può assumere alcol (in maniera responsabile quindi limitata) senza rischiare alterazioni degli spermatozoi.

Una domanda di: Daniele
Io e mia moglie stiamo cercando da 3 mesi una seconda gravidanza. So che alla donna è consigliata astensione totale dall’alcool in fase già
pre/periconcezionale, ma nel caso dell’uomo, quindi nel mio caso, come funziona? Io bevo circa una birra e un bicchiere di vino a settimana, non di
più, sarebbe meglio astenermi totalmente dall’alcool dato che sto cercando con mia moglie una gravidanza? Lo chiedo perché ho letto che l’alcool può
causare mutazioni negli spermatozoi e di conseguenza aumentare il rischio di malformazioni fetali. Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve e grazie per la sua domanda che mi fa pensare ad un papà davvero in gamba che si prende cura non solo della sua famiglia, ma anche della sua salute…per il bene dei figli che verranno.
Dopo alcuni primi studi sperimentali negli animali (topi) che correlavano l’esposizione paterna ad alcol con effetti riproduttivi avversi (alterato peso alla nascita della prole, maggior mortalità fetale e neonatale, anomalie comportamentali, malformazioni congenite…), in studi sperimentali successivi si è invece chiarito che l’esposizione paterna all’alcol, diversamente da quella materna, non ha effetti significativi sulla prole.
In studi epidemiologici nell’uomo si è giunti alle medesime conclusioni.
Resta vero quanto già Shakespeare faceva dire al portiere nel Macbeth: “Il bere signore…provoca il desiderio ma revoca la performance” (Macbet, atto II, scena III). E’ quindi soltanto un abuso cronico di alcool (a livelli patologici, non certo quelli che mi ha indicato lei!) che si associa ad ipogonadismo, impotenza e anomalie nei parametri del liquido seminale.
Spero di averla aiutata, a risentirci si spera con buone nuove…
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti