Lattante che ha iniziato a svegliarsi di notte

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 18/12/2023 Aggiornato il 18/12/2023

Non è raro che intorno ai 3-4 mesi di vita i lattanti cambino atteggiamento rispetto al sonno (e anche ai pasti), diventando irritabili.

Una domanda di: Elena
Salve, mio figlio da quando è nato ha avuto spesso il problemino di staccarsi e attaccarsi da biberon, non mangiare, saltare poppate. A un certo punto si stava alleviando il problema e mangiava tranquillo (ha preso da subito latte artificiale per 2 mesi aggiunta perchè non gli bastava e poi sempre e solo latte artificiale). Dopo il primo vaccino (esavalente,pneumococco e rotavirus) ecco che si ripresenta il problema per una ventina di giorni. Io ho sempre sospettato fosse reflusso silente perchè aveva tutti i sintomi (inarcava la schiena all’indietro, spesso tosse, respiro a maialino anche se non aveva muchi,singhiozzo frequente, mentre dormiva faceva facce schifate e masticava, ma rigurgitava molto raramente) .quindi per disperazione la pediatra mi ha dato REFALGIN con dose molto piccola (0,2ml) per tre volte, mezz’ora dopo la poppata. Non so se era lo sciroppino o una coincidenza ma andava meglio. Le pediatre mi sconsigliano richiamo di rotavirus e dopo una settimana facciamo vaccino meningococco, subito dopo già iniziava a spingere le gambe alla pancia e fare versi di sforzo e ricomincia il calvario… Adesso ultimamente fa tanta aria, mangia solo se dorme, sennò si stacca dal biberon a metà e non lo riprende, si strizza e si sforza di continuo… a volte non lo prende proprio dall’inizio il biberon. Aveva preso anche una buona routine del sonno dormiva 8/9h di seguito adesso sono 3 notti che si sveglia di continuo, piange spesso ed è nervoso.. possono essere di nuovo colichette?
Fa esattamente le stesse cose che faceva i primi mesi! Cosa mi consiglia?
Sono disperata.
Grazie in anticipo.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma Elena,
penso che le ultime vaccinazioni abbiano fatto riemergere i suoi problemi di reattività, di rigurgiti, poi anche l’età di questo bambino implica minore entusiasmo rispetto ai pasti e un altrettanto inferiore adeguamento, rispetto all’aspettativa, al ritmo sonno-veglia. Molti bambini intorno ai 3-4 mesi passano periodi di irritabilità, incostanza alimentare, sonno più disturbato. Forse la cosa migliore, per quanto non sia piacevole sentirselo dire, è attendere, valutare la situazione generale, riprendere il farmaco antireflusso già utilizzato, valutando il dosaggio con la pediatra. Credo infatti che tutto sia destinato a risolversi nell’arco di non troppo tempo. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti