Lattante con l’unghia del piede divisa a metà

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 04/04/2023 Aggiornato il 04/04/2023

Fino a quando non è necessario far indossare al bambino le scarpine si può attendere che l'anomalia dell'unghia si risolva spontaneamente.

Una domanda di: Chiara
Mio figlio ha 7 mesi ed è nato con l’unghia del piede spezzata o meglio divisa in due e una delle due parti è caduta. È ricresciuta ma comunque spezzata ed è caduta ancora. È normale? Cosa dovrei fare? Grazie in anticipo.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, per ora, vista l’età del bambino e il fatto che non deve usare scarpine, lascerei la situazione inalterata, per verificare se con nuova crescita cambi qualcosa e si uniscono le matrici. Se dalla nascita le due matrici ungueali sono partite divise, c’è il rischio che la crescita avvenga sempre separata. Si tratterà di avere un parere da un medico podologo su come uniformare le due crescite, cercando di farle allineare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti