Latte artificiale e reflusso

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 05/08/2019 Aggiornato il 05/08/2019

Quando il latte artificiale provoca disturbi, può essere opportuno valutare con il pediatra curante l'opportunità di cambiarlo.

Una domanda di: Antonella
Salve mio figlio ha quasi 50 giorni ha molti reflusso e sono passata al novalac reflux solo che in corrispondenza di quasi tutte le poppate fa la cacca molto liquida come l’acqua ,di colore giallo, ma per il resto non piange per fame però ho l’impressione che dal 25.07 , data in cui ho cambiato latte, non mi abbia preso peso. In ogni caso non è disidratato, secondo lei cosa dovrei fare? E’ normale che abbia feci così liquide?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
deve soppesare i vantaggi del latte antireflusso su vomito e rigurgiti e l’attuale scarsa crescita dovuta alla diarrea a sua volta probabilmente legata a questi tipi di latte.
Può valutare col suo pediatra cosa è meglio fare: cambiare latte, usare una medicina per il reflusso, aspettare un assestamento della situazione. E’ opportuno dunque che faccia rivalutare il bambino, anche per avere una chiara idea dell’andamento della crescita. Mi tenga aggiornato.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti