Latte artificiale: troppo o troppo poco?

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 12/05/2019 Aggiornato il 12/05/2019

La conferma che il bambino mangia abbastanza è data da un aumento di peso e altezza armonico e regolare.

Una domanda di: Alessia
Ho una bimba di due mesi nata di 4.130 kg con un calo fisiologico è arrivata a casa di 3.8 kg e ora pesa 4.970 kg, non ho potuto allattare al seno quindi utilizzo latte artificiale, lei già dal primo mese ha eliminato il sesto e il quinto pasto: ne fa 4 e in rari casi 5 e dorme per tutta notte, l’ultimo biberon solitamente è alle 23.30 circa e fino le 7.30 non si sveglia. Ora ho dovuto aumentare la dose del latte poiché non teneva più le 3.30/4 ore a pasto e siamo arrivate a 170 ml di latte. E’ troppo per due mesi? Fa pochi pasti?
Grazie.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentilissima Signora,
la quantità di latte artificiale che somministra alla sua bambina è più o meno giusta. Anche il numero delle poppate e cioè 5 e a volte 4 è accettabile. La cosa però più importante è la crescita staturo-ponderale (peso e altezza) che va monitorata attraverso i bilanci di salute che esegue il pediatra. E’ solo valutando se la crescita avviene in modo regolare, senza subire arresti, che si può comprendere se l’allattamento si sta svolgendo in modo corretto, assicurando uno sviluppo sano del bambino. Colgo l’occasione di questa sua lettera per dire a lei e alle altre mamme che eventualmente ci leggono di eseguire con puntualità dal vostro pediatra tutti i bilanci di salute previsti: in questo modo si avrà la possibilità di controllare che tutte le « curve »essenziali di crescita dei piccolini siano nella norma. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti