Di latte di proseguimento, diarrea e risvegli

Dottoressa Rosa Lenoci A cura di Dottoressa Rosa Lenoci Pubblicato il 27/02/2018 Aggiornato il 04/12/2019

Qualsiasi sintomo, a partire dalla diarrea, deve essere sottoposto all'attenzione del pediatra.

Una domanda di: Ingrid
Ho un quesito: mia figlia Matilde ha compiuto 8 mesi e abbiamo iniziato a darle il latte di proseguimento per cercare di farla dormire un po’ di più durante la notte… risultato si sveglia ugualmente più volte a notte e ha diarrea… Lei cosa consiglia?
Rosa Lenoci
Rosa Lenoci

La presenza di diarrea va valutata dal pediatra per escludere una intolleranza. In questa eventualità si dovrà optare per un latte vegetale e introdurre pappe che assicurino un apporto completo di tutti i nutrienti adeguati all’età. Per quanto riguarda i risvegli, se la bambina già si svegliava tanto da averla indotta al passaggio al latte di proseguimento, non si possono imputare alla sua introduzione ma a un problema preesistente da individuare con l’aiuto del pediatra.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti