Le beta non raddoppiano: è brutto segno?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 22/09/2022 Aggiornato il 22/09/2022

Il mancato raddoppio del valore della gonadotropina corionica umana (beta-hCG) non è necessariamente segno di qualcosa che non va: quello che conta è che comunque aumenti e non diminuisca.

Una domanda di: Alessia
Le riporto qui la mia situazione. Il 29 agosto mi sottopongo a un test casalingo risultato positivo, il 31 faccio le beta e sono 638, il 5 settembre 4634, il 15 settembre faccio una ecografia dove si vede la camera gestazionale, il sacco vitellino ma non l’embrione. Visto e considerato che la data dell’ultima mestruazione è il 25 luglio e io non ho mai avuto un ciclo regolare e di conseguenza non so mai con precisione quando ovulo,il ginecologo mi rifissa un’eco dopo 10 giorni per capire se si tratta di una gravidanza anembrionica o di un errato calcolo e che quindi l’eco era stata fatta troppo presto. A sua insaputa ripeto le beta il 15 stesso ed erano 17777 e oggi sono 240000. Quindi le beta crescono ma lentamente, non raddoppiano. Cosa succede? Mi devo aspettare il peggio?
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora, bisogna sfatare il luogo comune del raddoppio dei valori delle beta come unica espressione di una gravidanza che procede bene. Le beta-hCG sono comunque aumentate ed è questo quello che conta (l’importante è che non diminuiscano). Essendo ignota la data del concepimento (verosimilmente attorno al 20 agosto), il 25 settembre non saremmo stati con certezza alla sesta settimana, che è l’epoca in cui l’embrione viene visualizzato dall’ecografia. È corretto il consiglio del ginecologo: la prossima ecografia sarà dirimente. Dopo la gravidanza, impari a conoscere i segni dei giorni fertili, il muco fluido in particolare. Le sarà utile sempre e potrà insegnarlo ai suoi figli. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti