Le nonne possono dire sempre di sì?

Dottoressa Luisa Vaselli
A cura di Dottoressa Luisa Vaselli
Pubblicato il 13/10/2018 Aggiornato il 13/10/2018

Anche se le nonne possono permettere quello che i genitori, nella loro veste di educatori, non possono concedere è giusto che in alcune precise circostanze sappiano dire "no" o, comunque, far rispettare dei paletti.

Una domanda di: Una nonna in ansia
Cara dottoressa,
sono una nonna e le chiedo se è davvero sbagliato che i nonni dicano sempre di sì alle richieste dei loro nipotini. Mi prendo cura di una nipotina di 5 anni, una bimba deliziosa, che cerco di accontentare sempre anche perché le sue richieste sono davvero modeste. Ma mio figlio, che è suo padre, dice che così la rovino. A me sembra che esageri, lei che ne pensa? Grazie infinite, per quello che vorrà dirmi.
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Cara nonna,
il suo compito è molto arduo, non è facile conciliare l’essere nonni con le regole.
Purtroppo per i nostri bambini le regole fanno parte del vivere quotidiano e in alcuni casi il NO è fondamentale per aiutare i nostri pargoli a vivere meglio. Quelle piccole frustrazioni che creiamo loro, sono importanti per permettergli di imparare a trovare il modo di superarle; questo potrà aiutarli a imparare a gestire anche le frustrazioni più grandi che da adulti troveranno nella vita.
Capisco che per un nonno dire NO è più difficile che per un genitore; alcuni nonni solitamente rispondono: “Io il genitore l’ho già fatto, ora mi prendo solo il positivo!”
Non so quali siano i no che non dice a sua nipote, ma anche se sono richieste modeste in alcuni casi possono essere disturbanti, come succede se chiedono una caramella prima del pasto e poi in questo modo dopo non mangiano cibi più salutari, o se magari saltano il pasto e subito dopo reclamano la merendina ( sicuramente poco salutare).
Come nonna può prendersi delle libertà che come genitore non si era presa, alcuni pensano che i nonni siano fatti per viziare i nipoti, però ci sono dei no che a volte sono necessari anche per i nonni. Io ricordo con molto divertimento quando mia nonna mi faceva guardare la TV sdraiata sul tavolo della cucina, cosa che a casa non ho mai osato neppure di pensare! Ma io la mia nonna la vedevo una volta la settimana e da lei passavo degli week end in estate.
Fermo restando che i nonni sono da sempre quelli che fanno fare cose che a casa non sono permesse, che da grandi ricordiamo con molta tenerezza, oggi i nonni sono più presenti di un tempo, le madri lavorano quasi tutte fuori casa e il vostro compito è diventato più difficile, quindi bisogna che riusciate a dire anche qualche volta no.
Con questo non dico che da oggi dovrà dire sempre NO alla nipotina, ma valutare se a suo figlio nella stessa circostanza avrebbe detto no e per quale motivo. Stando molto tempo con sua nipote è necessario anche ogni tanto mettere dei paletti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Luisa Vaselli
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti