L’ecografia ha evidenziato che c’è solo un rene funzionante: cosa accadrà?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 16/05/2022 Aggiornato il 16/05/2022

Se gli altri organi hanno uno sviluppo regolare e la crescita del feto è nella norma, tutto può procedere bene anche se c'è un rene interessato da un'anomalia.

Una domanda di: Joana
Salve dottoressa, premetto che tutte le ecografie erano perfette, ieri a 19 settimane + 4 giorni ho fatto la morfologica, il mio bimbo è un maschietto. Ed è stato riscontrato che il bimbo ha un rene funzionante e uno con poco flusso ed è un pochino più basso di dove dovrebbe essere. Hanno anche riscontrato il cordone unico, ma addirittura è anche più grande rispetto all’epoca della gravidanza in cui mi trovo e per ultimo hanno riscontrato un ventricolo che misura 9,5, definito “borderline” Martedì avrò l’ecografia di secondo livello. Mi può almeno dire se c’è una percentuale di bambini che nascono sani e vivono anche con un rene? Grazie.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Joana, innanzitutto bisogna verificare che davvero il suo bimbo abbia un rene solo, ma se anche fosse così l’importante è che gli altri organi (per quanto si può vedere con l’ecografia) si stiano sviluppando bene e la crescita sia nella norma. Una persona può arrivare a 90 anni e non sapere di avere un rene solo, perché se questo funziona è più che sufficiente. Se la diagnosi viene fatta durante la vita prenatale, cioè nel feto, siamo più prudenti perché è un organismo che si sta formando e di cui non possiamo sapere tutto, come invece succede quando abbiamo una persona con cui possiamo parlare (e quindi chiederle come sta), che possiamo visitare e su cui possiamo fare esami più specifici. Per quanto riguarda l’arteria ombelicale unica (cioè una sola arteria nel cordone ombelicale), ciò si verifica in circa 1 per cento dei feti e non comporta un rischio maggiore per il feto, anche per questo è utile monitorare la crescita e lo sviluppo dei vari organi. Spero di essere stata utile.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti