L’ecografia può sbagliare la datazione di 4 settimane?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 12/02/2024 Aggiornato il 14/02/2024

Si può essere certi che l'ecografia non possa sbagliare le settimane di gravidanza di addirittura un mese, quindi ci si può fidare della datazione che viene effettuata attraverso questa indagine.

Una domanda di: Rebecca
Salve Dottoressa, ho un dubbio che mi affligge dall’inizio della gravidanza. Sono incinta di 26 settimane e 6 giorni. La mia data presunta del parto è il 10 Maggio, cioè vorrebbe dire un concepimento a fine agosto. Ok il mio dubbio è questo, la mia ultima mestruazione di agosto non la ricordo con esattezza perché fino ad allora prendevo la pillola. Ho avuto un rapporto completo il 5 luglio sotto anticoncezionale, quel mese ho deciso di non fare la pausa di 7giorni e ho notato alcune perdite, ciò mi ha fatto decidere di interrompere l’ anticoncezionale e così mi sono arrivate le mestruazioni che non ricordo con esattezza. Intorno al 7/9 di agosto, ho rapporti completi durante tutto il mese di agosto e il 9 di settembre scopro di essere incinta. Faccio una prima ecografia il 14 di settembre e mi viene detto di essere alla 6^ settimana di gestazione. Ne faccio un altra il 6 di ottobre in cui mi viene detto di essere a 8 settimane e 4 giorni. In seguito, ne faccio una il 2 novembre quella effettiva per dirmi di quante settimane esatte fossi e mi è stato detto che ero di 12 settimane e 6 giorni, però che il feto, essendo rannicchiato, avrebbe potuto essere di qualche giorno in più dato che non è stata presa la misura effettiva. Adesso mi è sorto un dubbio: potrei avere concepito il 5 di luglio? E essere incinta di più settimane? So che non avrebbe molto senso, però ho veramente bisogno di una conferma professionale. Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, capisco la sua preoccupazione ma posso confermarle che l’ecografia non può sbagliarsi addirittura di 4 settimane per quanto riguarda la datazione della gravidanza! Se lei avesse concepito a luglio (immaginiamo entro la prima metà del mese visto il rapporto del 5 luglio) il suo termine di gravidanza non sarebbe il 10 maggio ma addirittura l’inizio di aprile! In tutte le ecografie che lei ha effettuato, anche se esiste una minima discrepanza rispetto alla datazione, si parla comunque di qualche giorno di differenza e non certo di settimane! Infatti, se abbiamo una discrepanza tra le misure dell’embrione e quelle attese di oltre una settimana, siamo tenuti a ridatare la gravidanza ossia aggiustare la data del termine della stessa, cosa che non è stata mai necessaria nel suo caso. Questa ridatazione si può proporre soltanto entro il primo trimestre di gravidanza in quanto solo in questo periodo l’embrione prima e il feto poi, crescono in maniera “standard”, mentre in seguito entreranno in gioco variazioni di tipo genetico, ambientale, nutrizionale…Lei ha effettuato ben tre ecografie nel primo trimestre e quindi possiamo essere ragionevolmente certi che il suo concepimento è stato verso il 17 di agosto (giorno più, giorno meno). Attenzione però che il concepimento non sempre coincide con la data del rapporto fecondante! Può accadere infatti che ci sia fino ad una settimana di scarto tra questi due in quanto, se la donna è in fase fertile, gli spermatozoi possono sopravvivere nel tratto genitale femminile fino a 7 giorni…portando con maggior facilità al concepimento di una bimba (gli spermatozoi con la X sono più lenti ma più resistenti di quelli che portano la Y), viceversa se il rapporto fecondante coincide con l’ovulazione, sarà maggiore la probabilità di un bimbo in quanto gli spermatozoi che portano la Y sono più veloci ma meno resistenti…non è meravigliosa la Natura? Spero di averle risposto e di averla rassicurata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti