Lichen scleroatrofico: serve il tampone per diagnosticarlo?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 15/02/2022 Aggiornato il 15/02/2022

Il lichen scleroatrofico è una malattia autoimmune che si diagnostica ricorrendo alla dermatoscopia, una tecnica non invasiva che permette di valutare le condizioni delle mucose genitali.

Una domanda di: Maria
Grazie dottore per aver risposto alla mia domanda in maniera circostanziata
e chiara. Certo ho una atrofia vaginale con assottigliamento della mucosa.
Dalle analisi urine viene fuori globuli rossi 5 da 3 mesi in assenza di
batteri. La ginecologa mi ha dato una pomata con ormoni ma temo possano
crearmi problemi per via del seno. Cercherò il lichen che credo si
individui con un tampone? Ho urgente bisogno di capire come mai sto tanto
male. Ho fatto cistoscopia e citologia urinaria dalla quale si evince emazie
cellule pavimentose ed uroteliali in assenza di atipie di alto tipo…ma la
sintomatologia è ancora invalidante. Non ho vita sessuale da tanti
anni in quanto questa sintomtologia in maniera molto minore l’ho avuta
sempre. Grazie ancora dottore.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora Maria,
il lichen scleroatrofico è una malattia autoimmune che non si diagnostica con il
tampone. Per individuarla si ricorre alla dermatoscopia, una tecnica non invasiva che si avvale dell’impiego di uno strumento ottico capace di analizzare segni non visibili ad occhio nudo. Se poi si trattasse proprio di questo e fosse in uno stadio avanzato (il che spiegherebbe questi sintomi così marcati e invalidanti), il ginecologo potrebbe fare diagnosi a occhio nudo, perché i segni sono molto caratteristici (per esempio, nella piega tra le grandi e le piccole labbra si rendono visibili delle aree biancastre, i tessuti appaiono atrofizzati). Comunque è solo una delle ipotesi possibili, che formulo a distanza senza avere la possibilità di valutare la situazione e quindi di averne un’idea davvero chiara. Una cosa è certa: deve assolutamente farsi visitare per risolvere una situazione che penso sia ormai insostenibile. Non ha senso che lei conviva con i sintomi invalidanti che mi ha riferito, quando potrebbe bastare molto poco per recuperare una buona qualità della vita. Mi ascolti: si rivolga al più presto a un ginecologo. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti