Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/07/2020 Aggiornato il 20/07/2020

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.

Una domanda di: Luisa
Sono in attesa di 5 settimane più un giorno. Due giorni fa sono andata in pronto soccorso perché avevo della piccole macchie rosa: dall’ecografia è emerso che c’è un polipo che mi provoca queste perdite! Può essere che da mercoledì ho ancora queste perdite dovute al polipo?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi perdoni per la lunga attesa ma proprio non ce l’ho fatta a risponderle prima.
Le confermo che le perdite di sangue in questa fase della gravidanza possono essere dovute alla presenza del polipo endometriale.
Se si tratta di perdite ematiche scarse: siamo più fiduciosi che le cose andranno comunque bene.
All’inizio della gravidanza è molto comune osservare delle perdite di sangue e a volte le si classifica un po’ frettolosamente come “minaccia d’aborto” mentre potrebbe anche trattarsi di perdite ematiche da impianto dell’embrione nell’utero.
Tutto sta nel vedere come si comportano nel tempo: possono rimanere scarse o sparire completamente oppure aumentare e magari associarsi a fitte pelviche simili a quelle del ciclo mestruale. In questo secondo caso direi che possiamo confermare la diagnosi di minaccia d’aborto.
Immagino le sia stato consigliato di astenersi dai rapporti sessuali in quanto facilitano le contrazioni uterine e potrebbero quindi aumentare o far riprendere le perdite ematiche.
Anche a livello ecografico si possono prendere degli “abbagli” in quanto a volte si classifica come distacco della camera gestazionale dalla parete uterina quello che in realtà è un mancato accollamento ossia la camera gestazionale si è appena impiantata nell’utero e deve ancora concludere questo processo.
Forse le ho confuso le idee ma volevo aiutarla a cogliere questa importante caratteristica della gravidanza: è un processo in divenire e occorre del tempo per poter trarre delle conclusioni su come veramente si stia evolvendo.
Le auguro ogni bene, le ricordo di assumere acido folico 1 compressa al giorno da 400 microgrammi (salvo diversa indicazione del Curante) per tutto il primo trimestre di gravidanza, lontana da the e latticini. A disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti