Lieve sanguinamento in menopausa

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 02/01/2024 Aggiornato il 02/01/2024

Quando la menopausa si conclama, un eventuale successivo sanguinamento richiede un controllo ecografico.

Una domanda di: Monia
Ho 53 anni, lo scorso gennaio si è fermato il ciclo mestruale però a ottobre ho visto nella carta una microspica macchia di sangue rosso devo considerarlo ciclo mestruale? Grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Monia, quando con la menopausa l’attività ovarica si conclude l’ipofisi, che ne regola l’ attività, manda segnali perentori per cercare di risvegliare un ciclo ovulatorio. Sotto questo segnale così tonante, che spesso dà vampate di calore alle donne, l’ovaio produce un po’ di estrogeni, che sono gli ormoni che fanno crescere il tessuto endometriale, quello che riveste l’utero. Questa produzione è fugace e quando vengono a mancare il sostegno estrogeno l’endometrio si sfalda e dà luogo a un piccolo sanguinamento genitale. Questi sono gli elementi per interpretare questa piccola perdita di sangue, un controllo ecografico è utile per escludere una eccessiva crescita dell’endometrio che, s eci fosse, deve essere interpretato e curato. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti