Lievi perdite rosate in gravidanza

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 01/02/2021 Aggiornato il 01/02/2021

Prudenza vuole che nei mesi dell'attesa un eventuale sanguinamento venga sottoposto tempestivamente all'attenzione del ginecologo curante.

Una domanda di: Rosalia
Salve sono di 8 settimane e stamattina sono andata in bagno e ho trovato macchioline rosa.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Cara signora,
il lieve sanguinamento che lei mi riferisce, data l’età gestazionale rende opportuno un controllo ecografico per visualizzare camera gestazionale, embrione, sacco vitellino e attività cardiaca embrionaria e verificare che non sia presente un piccolo distacco coriale, rappresentativo di una minaccia d’aborto. Assuma antispastici e contatti subito il suo specialista di fiducia. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti