Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 12/09/2022 Aggiornato il 20/09/2022

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.

Una domanda di: Selene
Salve, volevo chiedere una cosa. Ho scoperto di essere incinta il 3/09 con due test. Domenica mattina ho avuto una leggerissima perdita di sangue (un puntino per intenderci) sulla carta igienica. Io ipocondriaca e ansiosa come sono mi sono subito andata a fare un ecografia ieri mattina. La mia ginecologa mi ha inserito lo speculum (ho provato dolore) e poi visita interna. Sono a 5 settimane + 3 giorni. E si sono visti la camera gestazionale in utero e l’embrione che è un millimetro e mezzo. Oggi (giorno dopo la visita) ho avuto un’altra leggera perdita di sangue (sempre veramente scarsa). Aborto non credo che sia perché è molto scarsa, si vede appena, e soprattutto non ho dolori esagerati. Ho sintomi più o meno forti da gravidanza, ho avuto nausee giorni indietro oggi solo stanchezza, mal di schiena e di testa. Però vorrei sapere cosa potrebbero essere queste perditine che ogni tanto intravedo sulla carta. Grazie mille. Cordiali saluti.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, mi fa tenerezza che lei si definisca ansiosa e ipocondriaca. In realtà credo che qualsiasi donna (a maggior ragione se alla sua prima gravidanza) non possa che allarmarsi almeno un poco vedendo delle perdite di sangue, per quanto microscopiche. Inoltre, lei è certamente abituata a gestire razionalmente il suo tratto ansioso dato che mi ha riportato il suo ragionamento sul fatto che non possa trattarsi di un aborto. Le confermo che è così. All’inizio della gravidanza ci possono essere delle piccole perdite di sangue denominate “da impianto” legate appunto all’impianto dell’embrione nell’utero. Si tratta di perdite di solito modeste, che si esauriscono nel giro di pochi giorni. Inoltre, è giusta la sua osservazione degli altri sintomi di gravidanza. A volte oltre alle perdite di sangue, può succedere che di colpo la nausea o la tensione al seno spariscano e questo può essere un segnale sfavorevole (ma anche qui l’ultima parola ce l’ha comunque l’ecografia ostetrica). In altri casi, le perdite ematiche si presentano dopo un rapporto sessuale e allora diamo la colpa al fatto che il collo dell’utero può essere stato sollecitato meccanicamente dal rapporto (come accade anche in occasione della visita con esplorazione interna e posizionamento dello speculum). Quindi le direi di avere completa fiducia che queste perdite non siano motivo di allarme nel suo caso e che tutto stia invece procedendo, come si dice nel Miguel Manara “secondo una sapienza che (il Cielo ne sia lodato!) non è la nostra”. Resta inteso che, qualora le perdite dovessero diventare abbondanti come una mestruazione, è utile recarsi in pronto soccorso per accertarsi dell’evoluzione della gravidanza. Le ricordo infine di assumere acido folico (salvo diversa indicazione del Curante, 1 compressa al giorno da 400 microgrammi) almeno per tutto il primo trimestre di gravidanza. Se possibile, meglio assumerlo lontano da the e latticini. Spero di esserle stata di conforto e incoraggiamento, mi tenga aggiornata se desidera, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti