Linfocitosi da indagare

Professor Angelo Michele Carella A cura di Professor Angelo Michele Carella Pubblicato il 13/05/2020 Aggiornato il 13/05/2020

In presenza di un aumento dei linfociti, è opportuno effettuare indagini approfondite per comprenderne la causa sottostante.

Una domanda di: Chiara
Gentile dottore,
sono sempre la mamma di Roberto, il bimbo che ha problemi di ferro e linfocitosi, purtroppo nella scorsa mail non sono riuscita ad inviarle tutti gli esami le invio l’elettroforesi.
Cordiali saluti.
Angelo Michele Carella
Angelo Michele Carella

Carissima,
elettroforesi normale, PcR negativa (quindi non ci sonoinfezioni). Resta la marcata linfocitosi (aumento dei linfociti, un tipo di globuli bianchi) che forse andrebbe studiata con immunofenotipo mediante citofluorimetria.
Ovviamente in attesa di questo esame non sono in grado di dire se la linfocitosi sia solo reattiva. I medici che hanno in cura Roberto penso che effettueranno questa indagine.
Di più non so cosa dire, manca appunto questo dato rilevante.
Aspetto il risultato, me lo invii quando lo avrà. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti