Linfonodi gonfi in bimbo di 4 anni

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 02/09/2019 Aggiornato il 02/09/2019

L'ingrossamento dei linfonodi può essere la semplice risposta a un'infezione e può anche protrarsi per qualche tempo (anche alcune settimane) dopo la guarigione.

Una domanda di: Liliana
Salve, mio figlio di 4 anni ha i linfonodi gonfi: saranno grandi quanto un pisellino e mobili sotto le ascelle. Il pediatra mi ha consigliato di fare un prelievo di sangue. Sono preoccupata. Ha fatto anche elettroforesi delle proteine dove risulta proteine totali 6,9 g/dl e A/G 1,38. Le invio le altre foto.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora,
in età pediatrica, l’aumento di volume dei linfonodi spesso è conseguenza di un’infezione. In generale, richiedono indagini i linfonodi ascellari che raggiungono un diametro superiore ai 10 mm. E’ poi importante sapere se ci sono altri segni associati all’infrossamento dei linfonodi: febbricola, facile stancabilità, stato di abbattimento generale. Dagli esami del sangue che ha già effettuato non emerge nulla di chiaro. Se l’ingrossamento persiste sottoporei il bambino a esami infettivologici specifici (per esempio, per la ricerca della malattia da graffio di gatto o del citomegalovirus). Farei anche un’ecografia con sonda lineare per valutare le caratteristiche di reattività di questi linfonodi. Dunque è opportuno osservare come evolve la situazione (persiste l’ingrossamento? Peggiora? Tende a diminuire?). In ogni caso, riparlerei con il pediatra curante per stabilire il da farsi. Mi tenga informata, se le è utile. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti