Linfonodo che si gonfia in seguito alla depilazione

Professor Angelo Michele Carella A cura di Professor Angelo Michele Carella Pubblicato il 05/10/2018 Aggiornato il 05/10/2018

Quasi sempre l'ingrossamento di un linfonodo nella regione inguinale, se si verifica in seguito alla depilazione, non è significativo. Tuttavia è opportuno indagare.

Una domanda di: Manuela
Ho un linfonodo all’inguine destro che si gonfia ogni volta che mi depilo
(lametta o anche rasoio). Rimane più o meno sempre sotto 1 centimetro e non si
sgonfia mai del tutto… secondo lei mi devo preoccupare? Cosa potrei fare
per non farlo più gonfiare a parte non depilarmi?
Grazie e cordiali saluti!
Angelo Michele Carella
Angelo Michele Carella

Cara Signora,
nella maggior parte dei casi, l’aumento di volume di uno o più linfonodi risulta di natura reattiva.
Spesso non sono particolarmente voluminosi e possono essere dolenti e dolorosi al tatto. Nel suo caso è molto probabile che ci sia un nesso di casualità legato alla depilazione. Consiglio comunque di effettuare un’ecotomografia addominale con particolare riguardo alla regione inguinale: può farsela prescrivere dal suo medico curante. Così avrà modo di escludere qualunque origine diversa da quella che ipotizziamo e si toglierà il dubbio che la disturba.
Con molti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti