L’inositolo può aiutare a rimanere incinta?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

L'assunzione di un integratore alimentare che favorisce il buon funzionamento delle ovaie può aiutare nella ricerca di una gravidanza. Ma da sola può non bastare.

Una domanda di: Rossella
Ho 40 anni, ho avuto un aborto a marzo di quest’anno alla 10ma settimana ed ho subito un raschiamento che mi ha segnata molto. Da 5 mesi spero di
rimanere nuovamente incinta ma tutti i mesi puntualmente mi arrivano le mestruazioni. Ora mi è stato prescritto Chirofert plus, può aiutarmi a rimanere
incinta? Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, la buona notizia è che lei e il suo compagno siete certamente fertili anche se la precedente esperienza di gravidanza non è andata a buon fine. Immagino lei sia rimasta segnata dall’aborto e dal raschiamento…con conseguente paura e desiderio allo stesso tempo di una nuova gravidanza.
Il Chirofert plus è un integratore che a mio avviso può essere molto utile per favorire il processo dell’ovulazione.
Non so se nel suo caso ci fossero dei difetti a questo livello: chi meglio del suo ginecologo curante lo può sapere?
A mio avviso, è importante cercare di condurre una vita sana (in termini di dieta, idratazione, ritmo sonno-veglia e attività fisica) e per quanto possibile serena, dato che lo stress è nemico acerrimo della fertilità sia maschile che femminile.
Inoltre, mi sembra importante approfondire la conoscenza dei metodi naturali (sintotermico del tipo CAMEN o Roetzer e metodo dell’ovulazione Billings) per essere ancora più affiatati come coppia sul versante corporeo, oltre che per evidenziare meglio i giorni in cui sia più probabile ottenere il concepimento in seguito ad un rapporto sessuale.
Spero di esserle stata di aiuto e di risentirla presto con buone nuove, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti