Lo strano caso della diagnosi non refertata

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 27/01/2022 Aggiornato il 27/01/2022

Un distacco di placenta o c'è o non c'è: se viene comunicato a voce, ma non scritto nel referto è meglio rivolgersi altrove.

Una domanda di: Francesca
A 19 settimane ho iniziato ad avere alcune perdite rosa. Dopo essere stata al pronto soccorso due volte mi era stato detto di avere la placenta bassa e che il sanguinamento poteva derivare da quello.
Questa settimana a 20+4 sono stata a fare l’ecografia morfologica ed ho spiegato cosa mi è successo. In questa occasione mi è stato detto che la mia placenta non è esageratamente bassa e che c’è stato un distacco di placenta.
Non mi è stato detto quanto fosse grande ne è stato fatto riferimento a questo nel referto della morfologica.
Mi è stato solo detto di osservare riposo.
Mi chiedo quante siano effettivamente le possibilità che la gravidanza possa andare avanti.
Grazie in anticipo.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, purtroppo con le informazioni che mi ha fornito [praticamente nessuna] è veramente difficile risponderle. Direi però che un referto scritto e firmato valga più di una comunicazione verbale. Un distacco placentare o c’è o non c’è e se c’è deve essere refertato. Fossi in lei, se le perdite non ci sono più, ripeterei l’ecografia in un’altra struttura, possibilmente migliore. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di 9 mesi che si sveglia numerose volte ogni notte

23/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Roberta Levi

L'imperativo è "armarsi di pazienza" perché i risvegli notturni non si risolvono da un momento all'altro. Ci vogliono tempo e qualche trucco "da mamma".   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti