Lo strano caso dell’anti-Covid rimandata

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 05/01/2022 Aggiornato il 05/01/2022

Le autorità sanitarie lo scorso ottobre hanno stabilito che vaccino antiinfluenzale e vaccino anti-CoVid potevano essere somministrati in associazione, quindi non sarebbe stato necessario rimandarne uno a favore dell'altro.

Una domanda di: Chiara
Purtroppo sto ritardando a effettuare il vaccino anti-CoVid-19 perché ho fatto prima quello influenzale. E’ un problema il fatto che lo sto effettuando quasi alla 32 settimana?
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Gentile signora, non c’era alcuna ragione per rimandare il vaccino contro il coronavirus. Il vaccino antiinfluenzale e il vaccino anti-CoVid-19 possono (e potevano) essere somministrati insieme: ministrare insieme a quello antinfluenzale: il via libera è stato dato a ottobre da parte del ministero della Salute, grazie a una circolare firmata dal direttore della prevenzione Giovanni Rezza, il quale appunto ne aveva autorizzato l’uso combinato. Comunque è andata così, anche se contrariamente a quanto indicato dalle autorità sanitarie. Posto questo, il vaccino anticovid si può fare in qualunque momento della gravidanza come di certo le avranno detto al centro vaccinale. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti