Lo strano caso dell’immunoprofilassi prescritta solo dopo il parto

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/02/2022 Aggiornato il 18/02/2022

Le linee guida parlano chiaro: le future mamme Rh negativo vanno sottoposte a immunoprofilassi già durante la gravidanza.

Una domanda di: Eleonora
Sono alla 28 settimana di gravidanza, fin dai primi accertamenti sono

risultata con un gruppo sanguigno A rh negativo invece mio marito è 0 rh

positivo. La ginecologa che mi segue mi ha sempre detto che essendo

negativa avrei dovuto fare la profilassi delle immunoglobuline anti-d. Ora

trovandomi alla 28 settimana e sapendo che la profilassi viene fatta anche

adesso le ho ricordato questa cosa e lei mi ha risposto che lei consiglia

sempre di fare la profilassi subito dopo il parto e non prima. Io mi

chiedevo se va bene lo stesso o ci possono essere dei problemi per il

bambino.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, mi pare strano che la sua curante le abbia dato questa informazione sulla mancata necessità di eseguire l’immunoprofilassi in gravidanza, limitando l’esecuzione di questo trattamento soltanto dopo il parto.
Le linee guida dell’Istituto superiore di sanità sulla gestione della gravidanza fisiologica parlano chiaro e prevedono l’immunoprofilassi prenatale di routine per le gravide Rh(D) negative, da effettuarsi in dose unica da 1.500 UI (300 µg) di immunoglobuline a 28 settimane circa di gestazione, o in due dosi da 500 UI (100 µg) ognuna a 28 e 34 settimane di gestazione.
Ad ogni modo, l’indicazione all’esecuzione di immunoprofilassi alla 28° settimana è applicabile con una certa elasticità dal punto di vista organizzativo per cui ci possiamo accontentare che venga effettuata a partire da quella settimana ed entro il mese successivo, purché venga eseguita!
Le anticipo che poi l’immunoprofilassi andrà eseguita dopo il parto solo se il neonato risulterà anch’esso di gruppo Rh positivo come il papà.
Il gruppo negativo è recessivo rispetto al positivo, ma non è escluso che il marito abbia “nascosto” il gruppo negativo dal punto di vista genetico e, incontrandosi con lei, voi possiate avere figli di gruppo negativo (lei per essere negativa ha solo quel tipo di informazione genetica ossia -/-, mentre chi è positivo può esserlo o con variante omozigote ossia +/+ o con variante eterozigote ossia +/-)
Chissà se sono riuscita a spiegarmi! Lo spero. Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti