Lui ha il varicocele: è possibile concepire?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/08/2019 Aggiornato il 06/08/2019

Le probabilità di dare inizio a una gravidanza quando l'aspirante papà ha il varicocele aumentano sensibilmente dopo l'intervento per risolverlo.

Una domanda di: Serena
Siamo una coppia in cerca di un bambino da qualche anno, io ho 30 anni e il mio compagno ne ha 37.
Il mio compagno ha un varicocele che asporterà ad ottobre e prende nel frattempo “Licofert” e “Tradafertil” integratori dati da un urologo in quanto il numero di spermatozooi è basso, io ho fatto invece tutti gli esami e sono tutti regolari, mi mancherebbe da fare solo esame delle tube.
Volevamo sapere se prima che il mio compagno venga operato di varicocele, posso lo stesso restare incinta? Se posso prendere farmaci per la stimolazione ovarica cosi da avere più probabilità? In quali giorni ci consiglia di avere rapporti per favorire il concepimento? il primo giorno dell’ ultimo ciclo era il 23 luglio 2019 e non ho un ciclo molto regolare.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno cara signora, anche se non mi ha detto da quanti anni state cercando la gravidanza immagino quanto grande sia il vostro desiderio di diventare genitori il prima possibile…
Non sono urologa e quindi non ho conoscenze rispetto all’utilità di assumere già da ora degli integratori per aumentare il numero degli spermatozoi del compagno ma, essendo presente un varicocele meritevole di correzione chirurgica, mi sento di prospettarvi un possibile miglioramento di tutti i parametri del liquido seminale nei mesi successivi all’intervento stesso.
Nel frattempo, anche se non così probabile, è certamente possibile che lei rimanga incinta. Solitamente occorrono milioni di spermatozoi per ottenere il concepimento ma non dimentichiamo che il “fortunato” è uno solo!
Lascio al suo ginecologo curante il compito di prescriverle o meno l’isterosalpingografia per confermare la pervietà delle sue tube, se fosse una mia paziente credo che per il momento aspetterei…
Non mi sembra opportuno ricorrere alla stimolazione ovarica nel suo caso in quanto non è detto che sia necessaria e l’effetto collaterale potrebbe essere quello di provocare una gravidanza multipla, con tutti i rischi connessi (non sono pochi, glielo assicuro!) oltre che avere un maggior rischio di aborto spontaneo (19%) rispetto alla gravidanza insorta spontaneamente (10-15%).
Siccome mi chiede di darle indicazioni sui giorni migliori per ottenere il concepimento, le segnalo che esistono in tutta Italia delle insegnanti qualificate dei metodi naturali Billings e Sintotermico (CAMEN o Roetzer) che possono farvi una consulenza personalizzata e persino gratuita per ottimizzare le possibilità di concepire imparando a riconoscere i segnali di fertilità del suo corpo…vedrà che sarà una bella scoperta per entrambi, glielo prometto.
Lei nel frattempo continui ad assumere l’acido folico che presumo le sia già stato prescritto (1 compressa da 400 microgrammi al giorno) e abbia buona cura di sé e del suo compagno…a volte i figli si fanno desiderare quasi per dare alla coppia il tempo di affiatarsi completamente…
Non è scontato, anche se ci si ama con la testa ed il cuore, riuscire a dirselo con tutto il corpo…
La saluto e mi perdoni se mi sono dilungata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti